Via del Campaccio, 63 - 59100 Prato (PO)
Call Us +39 339 3625513
Close
+39 339 3625513 info@claraweddingplanner.com
Bon Ton ricevimento Wedding Planner

Il Bon Ton durante il ricevimento nuziale

È importante conoscere il Bon Ton per il ricevimento nuziale, uno dei momenti più mondani del giorno del matrimonio.

Vediamo cosa si deve fare per un matrimonio elegante, indimenticabile e soprattutto a prova di Galateo.

All’arrivo degli sposi e degli invitati nel luogo del banchetto tutto deve essere perfetto, i tavoli apparecchiati e il personale di servizio pronto per servire gli aperitivi.

È opportuno che la sera prima, o al mattino se la cerimonia avviene di pomeriggio,  si compia un sopralluogo per controllare che siano state seguite le direttive impartite e che tutti i particolari siano stati curati alla perfezione.


Il Benvenuto

Per chi desidera rispettare appieno il Bon Ton, oltre alle tradizioni, l’accoglienza in sala spetta alla madre della sposa, che riceve gli ospiti all’ingresso, sovrintende alle presentazioni di rito e cura la sistemazione degli ospiti ai loro tavoli.

Le ultime tendenze consentono anche alla famiglia della sposa, padre e fratelli/sorelle, di affiancare la madre in questo importante compito.

Un’alternativa moderna nel caso di un ricevimento con numerosissimi invitati è la cosiddetta receiving line, che prevede che la madre della sposa, considerata in questo giorno la padrona di casa, sia la prima a ricevere gli ospiti, seguita dal padre della sposa e dai genitori dello sposo ed infine dalla coppia.

Al suo arrivo la sposa può assentarsi per qualche minuto con la damigella per togliere il velo e sistemare l’acconciatura.

I fratelli degli sposi hanno il compito di effettuare le presentazioni tra i commensali che non si conoscono e sovrintendere alla sistemazione di tutti.

Poco prima dell’inizio del pranzo la madre della sposa fa un ultimo giro tra i tavoli per assicurarsi che tutti siano seduti al posto giusto e che le presentazioni siano state fatte.

All’ingresso su un leggio o su un tavolo, viene esposto un libro con le pagine bianche dove ogni invitato può firmare ed esprimere una frase augurale.

Per individuare facilmente il posto assegnato, si possono prevedere dei segnaposto che riportano, in corsivo elegante e inchiostro di china, il nome completo dell’invitato.

Se i tavoli sono molto numerosi è opportuno posizionare all’ingresso del ristorante un tableau de mariage, ovvero una mappa dove viene riportata la disposizione dei tavoli e il nome di ciascun invitato.


I Tavoli

Uno dei compiti da svolgere con più delicatezza da parte degli sposi riguarda l’assegnazione dei posti a tavola durante il ricevimento.

Per evitare di rischiare di creare tensioni oppure di commettere qualche gaffe è fondamentale informarsi su eventuali dissidi e inimicizie tra gli invitati, ed anche sulle coppie che si sono formate o separate di recente.

È consigliabile anche abbinare gli invitati in base ai gusti e all’età.

Il tavolo degli sposi è naturalmente il più importante e si trova generalmente nella posizione più visibile e centrale.

A fianco degli sposi si siedono per tradizione i genitori di entrambi e i testimoni.

Un’alternativa adatta soprattutto nei casi in cui i genitori di uno o entrambi gli sposi siano separati o divorziati è farli sedere a tavoli vicini a quello centrale insieme ad altri ospiti d’onore, mentre accanto agli sposi si siederanno solo i testimoni e gli amici più stretti.

I tavoli più vicini a quello degli sposi devono essere riservati agli ospiti più importanti.

I single e le persone anziane, per evitare di rendere monotono il dialogo, devono essere seduti al tavolo con delle coppie.

Le famiglie con i bambini è bene che vengano riunite allo stesso tavolo o in tavoli vicini, in modo tale che le madri possano aiutarsi a vicenda a controllare i piccoli.

Nel caso fosse presente un animatore, la soluzione ideale è predisporre un tavolo a parte per i soli bambini.

Le coppie sposate possono essere divise, i fidanzati mai.

Infine nella disposizione degli ospiti a tavola, è buona norma cercare sempre di rispettare l’alternanza uomo-donna.


I Bambini

Se tra gli ospiti sono presenti diversi bambini è opportuno organizzare durante il ricevimento un intrattenimento specifico a dimostrazione di quanto la loro presenza sia gradita e per non rischiare di farli annoiare.


Il Brindisi

Durante il pranzo o la cena di nozze il Bon Ton dice che sono gli sposi a proporre il primo brindisi.

Ad un certo momento del banchetto, in genere poco prima della torta, gli sposi faranno un giro dei tavoli per ringraziare parenti ed amici e per le consuete fotografie di rito.

 

Le Foto

Niente foto prima del ricevimento, perché gli sposi devono attendere gli invitati ed accoglierli assieme alla madre della sposa.

Secondo il galateo gli sposi potranno spostarsi nella location destinata alle foto solo alla fine del banchetto e prima del taglio della torta.

Durante questo lasso di tempo gli invitati saranno intrattenuti dall’animazione.

 

Il Taglio della torta

Dovrebbe essere organizzato in un luogo romantico, separato da quello in cui si svolge il banchetto, poiché rappresenta uno dei momenti più significativi del matrimonio, è un rituale interamente dedicato alla neo sposa.

Il taglio della torta dunque deve essere eseguito rigorosamente dalla mano della sposa guidata da quella dello sposo che, con questo gesto, le conferma tutto il suo sostegno e la sua protezione.

Il Bon Ton stabilisce una scaletta precisa nella distribuzione della torta. La prima fetta di spetta al marito, come segno di affetto e dedizione.

La seconda fetta di torta alla suocera, la terza alla madre della sposa, la quarta al padre dello sposo, la quinta fetta di torta al papà, seguono poi i testimoni.

Da questo momento in poi i camerieri possono procedere al taglio di tutta la torta e alla distribuzione tra gli invitati.

Per l’importanza del momento, gli invitati, non possono assolutamente accomiatarsi prima del taglio della torta, perché sarebbe un gesto estremamente scortese.

Questo rituale tradizionalmente così importante, dovrebbe sempre essere accompagnato dalla colonna sonora che ha fatto innamorare gli sposi.

È buona norma che gli sposi e tutti i partecipanti al ricevimento assaggino un pezzetto di torta, perché è un gesto considerato ben augurante.

Dopo il taglio seguono musica e balli per concludere in allegria e spensieratezza una giornata speciale e unica come quella del matrimonio.

 

Il Ballo

Il ballo conclude il ricevimento ed è considerato un momento romantico irrinunciabile.

Il galateo non stabilisce regole particolarmente rigide perché si tratta di una situazione in cui deve prevalere il divertimento degli ospiti.

L’unica regola che dovrebbe essere rispettata, per il tocco di classe e il romanticismo che ne consegue, riguarda la scaletta delle danze.

Il primo ballo deve essere un lento riservato esclusivamente agli sposi, il secondo ballo è riservato allo sposo con la madre della sposa e alla sposa con il padre dello sposo.

Il terzo ballo è riservato allo sposo con la propria madre e alla sposa con il proprio padre. Al termine del terzo ballo la pista è libera a tutti.

Il galateo concede assoluta libertà sulla scelta della musica.

La combinazione ideale è avere a disposizione un’orchestra per circa un’ora e successivamente lasciare il posto a un Dj fino a notte inoltrata.

Ultimo dettaglio da ricordare è quello di prevedere un’area rinfresco nelle vicinanze della pista da ballo, dimenticarsene sarebbe un errore imperdonabile.

 

Il commiato degli sposi

Per il commiato degli sposi il Bon Ton offre numerose alternative.
Può avvenire soltanto dopo la conclusione del rito del taglio della torta e se previsto, dopo le prime tre danze che vedono protagonisti gli sposi e i loro genitori.

Esistono vari modi per congedarsi dagli ospiti:

  • Uscita anticipata tradizionale: gli sposi lasciano il ricevimento prima degli invitati, facendo un giro nella sala per salutare gli ospiti.
    In questo momento può avvenire la consegna delle bomboniere oppure la sposa può offrire i confetti insieme allo sposo.
  • Uscita anticipata riservata: gli sposi lasciano il ricevimento prima degli invitati, limitandosi a salutare gli ospiti più importanti.
  • Uscita anticipata romantica: gli sposi lasciano il ricevimento prima degli invitati a bordo di un’auto, tra i saluti degli invitati.
  • Uscita ritardata classica: gli sposi si posizionano all’uscita della sala e salutano gli ospiti man mano che lasciano il ricevimento.

Di solito, in questo momento, avviene la consegna delle bomboniere.

Le Bomboniere

Il momento ideale per distribuire le bomboniere agli invitati è sempre al termine del ricevimento.

A tal proposito si può predisporre un tavolo all’uscita, oppure gli sposi, aiutati dalle madri, possono consegnarle ad una ad una agli invitati che si stanno congedando.

 

Il Congedo degli invitati

Se è stata prevista l’Uscita ritardata classica da parte degli sposi loro saranno gli ultimi a lasciare il luogo del ricevimento.

È buona norma che anche i genitori della sposa si intrattengano fino a che siano usciti tutti gli ospiti in modo da poterli salutare tutti.

Seguendo queste semplici regole del Bon Ton ci si assicura che nel proprio giorno più bello anche il ricevimento sarà indimenticabile.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *